Category

News

Sferisterio experience

Sferisterio Experience: il progetto che apre il teatro al turismo

By News No Comments

Il progetto Sferisterio Experience nasce per aprire il teatro a nuove formule di turismo: un’esperienza marchigiana a cavallo fra opera, turismo, formazione ed eccellenze del territorio maceratese.

Siamo abituati a pensare al teatro come a un tempio: un intoccabile luogo di cultura, in cui si entra in punta di piedi e da cui altrettanto in punta di piedi si esce. Invece ci dimentichiamo che il teatro, secoli fa, era il luogo pop per eccellenza: a teatro si socializzava, si siglavano affari, si faceva gossip; si mangiava, persino!

Ecco allora che nasce il progetto Sferisterio Experience, che spalanca le porte del teatro a una nuova forma di turismo partecipato.

Lo Sferisterio

Con la sua pianta semicircolare e un palcoscenico lungo quasi 100 metri, quella dello Sferisterio è una struttura più che rara: è l’unico teatro all’aperto all’italiana, ossia dotato di palchi. Nasce già con un’anima popolare: viene progettato nel 1823 per volere di un gruppo di cittadini, i Cento Consorti, che desideravano donare alla città una struttura dedicata al gioco della Palla al Bracciale.

Quante cose sono successe all’interno di quelle mura! Giochi, circhi equestri, cacce di tori. Poi, nel 1921, il conte Pier Alberto Conti ha un’idea rivoluzionaria, portare l’opera allo Sferisterio. Va in scena Aida e i maceratesi scoprono l’incredibile: lo stadio progettato per la Palla al Bracciale ha un’acustica eccezionale. Il resto è storia.

Oggi lo Sferisterio ospita il Macerata Opera Festival, uno fra i più apprezzati festival operistici d’Europa, e porta ogni anno in città più di trentamila spettatori da tutto il mondo. E dunque: può l’“esperienza Sferisterio”, per tutte queste persone arrivate da lontano, ridursi a una serata di gala – e poi tutti a casa? Certamente no.

Da qui nasce Sferisterio Experience, un progetto targato Cultura e Digitale by Esserci Lab che punta a far “vivere” lo Sferisterio come luogo di aggregazione. Non più un evento che inizia e finisce con lo spettacolo, ma un’esperienza che ci conduce alla scoperta di quel luogo magico che è il teatro e che fa parte di un più ampio percorso turistico. Con Sferisterio Experience non si va soltanto all’opera, ma si scopre il backstage (Lo Sferisterio Segreto, Opera iPad) e si gustano le eccellenze marchigiane (Aperitivi sul Loggione e Vip Packages). Non solo: il Macerata Opera Festival esce dallo Sferisterio per instaurare un solido legame con il territorio, con le iniziative di Opera Campus e la Biglietteria itinerante.

VIP package nei palchi

Sferisterio experience - vip package

C’è stato un tempo in cui i palchi dei teatri all’italiana erano veri e propri salotti in miniatura: luoghi dedicati alla socializzazione in cui si mangiava insieme, si giocava a carte, si fumava (oggi impensabile!). Fra un pettegolezzo e l’altro si assisteva allo spettacolo in scena.

Ovviamente oggi si vive l’esperienza del teatro in maniera completamente diversa: più attenta, più rispettosa, più concentrata. Ma questo non vuol dire che i palchi non possano più essere luoghi di condivisione.

Nell’ambito di Sferisterio Experience, la proposta del VIP Package colma proprio questo vuoto che si è venuto a creare: prenotando un intero palco da sei posti si acquista una formula esclusiva con parcheggio riservato, tour del teatro e catering durante l’opera (ovviamente nell’intervallo!).

Il VIP Package è scelto spesso dalle aziende, come esperienza di team building o come regalo.

Aperitivi sul loggione

sferisterio experience - aperitivi sul loggione

Da anni lo Sferisterio è legato all’Istituto Marchigiano di Tutela Vini (IMT). Una collaborazione che ha impreziosito il programma del Macerata Opera Festival con una serie di proposte legate al territorio maceratese e ai suoi vini; in particolare il bianco Colli Maceratesi DOC Ribona, una riscoperta recente. Così, il pubblico internazionale che ogni anno anima Macerata può arricchire la propria esperienza di visita con un articolato programma che lega musica e vino, di cui fanno parte anche gli Aperitivi sul loggione.

Storicamente il loggione è il settore meno prestigioso di un teatro: quello dove i biglietti costano meno, chiamato dispregiativamente “piccionaia”. Ma in un teatro come lo Sferisterio il loggione ha un fascino particolare. Dal punto più alto del teatro si gode di un panorama splendido: lo sguardo spazia dai Monti Sibillini alle colline del maceratese, fino – nelle giornate più limpide – al Mare Adriatico.

Nelle date di spettacolo del Macerata Opera Festival si può iniziare la serata con un aperitivo: un piccolo gruppo di ospiti ha la possibilità di raggiungere il loggione con una passeggiata guidata, scoprire le curiosità legate alla storia dello Sferisterio e, al termine della visita, degustare le DOC marchigiane. Un momento sospeso fra il giorno e la sera, nel punto più raccolto di un teatro straordinario, in cui sorseggiare un calice di vino con un panorama impareggiabile davanti agli occhi.

Sferisterio segreto

sferisterio experience - lo sferisterio segreto

Che atmosfera si respira a teatro alla vigilia di uno spettacolo? Come si allestisce un’opera all’aperto? Cosa prova un artista il momento prima di salire sul palcoscenico?

Dopo secoli, il teatro come luogo fisico continua ad affascinare e incuriosire. Lo Sferisterio segreto è un tour guidato nei luoghi off limits, quelli dove Pavarotti e Nureyev attendevano di entrare in scena: un viaggio alla scoperta dello Sferisterio in cui lo spettatore può guardare la platea dalla prospettiva degli artisti, incontrare tecnici e maestranze, ammirare da vicino il lavoro delle sarte e gli splendidi costumi di scena.

La visita, riservata a un piccolo gruppo di spettatori, è guidata dall’Associazione Amici dello Sferisterio e si può effettuare tutti i fine settimana del festival alle 18.00.

Opera iPad

sferisterio experience - opera ipad

Il Macerata Opera Festival dura poco meno di quattro settimane, a cavallo fra il mese di luglio e quello di agosto.  Lo Sferisterio, però, si anima molto prima: i tecnici montano la scenografia, gli artisti iniziano a provare, le sarte imbastiscono i costumi. È una macchina che si mette in moto giorno dopo giorno, costruendo tutto ciò che vedremo sul palcoscenico la sera della prima.

Il backstage è la parte invisibile di un festival, un mondo chiuso fra le mura del teatro a cui hanno accesso solo gli addetti ai lavori. Questo fino al 2017, quando – all’interno di Sferisterio Experience – è nato il progetto di Opera iPad. L’obiettivo: cancellare le distanze fra spettatore e teatro grazie al digitale. Immagina di poter vivere in diretta la nascita di un’opera lirica sul palcoscenico dello Sferisterio: canto, costumi, scenografia… tutto ciò che accade dietro le quinte del Macerata Opera Festival, ma direttamente dal tuo smartphone.

Dal primo giorno di prove all’ultima data del festival, per cinque minuti al giorno, le puntate di Opera iPad vanno in onda live sulla pagina Facebook del Macerata Opera Festival: gli utenti possono seguire in tempo reale il direttore musicale Francesco Lanzillotta e la direttrice artistica Barbara Minghetti e sbirciare le prove degli artisti, assistere alle sessioni di trucco nei camerini, incontrare il personale tecnico al lavoro. I video, arricchiti da interviste in diretta, news e curiosità sulla produzione, vengono regolarmente salvati sulla pagina Facebook del Macerata Opera Festival per poter essere fruibili anche in remoto.

Opera Campus

sferisterio experience - opera-campus

Lanciato nel 2019, il progetto Opera Campus coinvolge gli artisti scritturati dal Macerata Opera Festival come cover dei cantanti protagonisti. Più di un laboratorio, più di una masterclass, una vera e propria esperienza di approfondimento interpretativo: per dieci giorni gli artisti studiano, insieme a due grandi Maestri, il ruolo che potrebbero trovarsi a ricoprire in caso di indisposizione improvvisa degli artisti in locandina.

L’azione di studio promossa da Opera Campus non ha come unico scopo la preparazione a un’eventuale performance sul palcoscenico dello Sferisterio. Gli artisti avranno occasione di esibirsi negli eventi del Festival Off che, spesso, escono dai confini della città, legando a doppio filo il Macerata Opera Festival al territorio marchigiano: nel 2019 gli artisti sono stati coinvolti nello spettacolo La Carmen del desiderio (andata in scena al Teatro Helvia Recina di Macerata, al Foro Annonario di Senigallia e in Piazza Aldo Moro a Monte San Giusto) e nei numerosi flash mob organizzati sul territorio. Impossibile dimenticare “Il mio regno per un carrello”, rappresentato al Centro commerciale Il Cuore adriatico di Civitanova, che ambientava le fosche vicende di Macbeth fra gli scaffali di un supermercato.

La supervisione è affidata al segretario artistico del Macerata Opera Festival Gianfranco Stortoni e al direttore musicale Francesco Lanzillotta.

Biglietteria itinerante

sferisterio experience - biglietteria itinerante

I nostri Luca e Manu e la cargo bike del Macerata Opera Festival. L’esperienza di Luca e Manu è raccontata qui

Per il Macerata Opera Festival il team di Cultura e Digitale lavora a ogni aspetto della promozione, dal web marketing alla comunicazione offline, dalle campagne di advertising al social media marketing. Un approccio che agisce su più fronti per catturare sia i clienti consapevoli (bisogno manifesto) che quelli potenziali (bisogno latente).

Tuttavia negli ultimi anni abbiamo voluto affiancare a questo approccio un metodo diverso, muovendoci – per una volta – in direzione opposta alla digitalizzazione delle vendite. Vale a dire: presenziare le fasi del bisogno latente facendoci trovare dove i potenziali spettatori passano le proprie serate. L’estate italiana è ricca di feste, fiere e iniziative all’aperto molto frequentate: un’ottima occasione per intercettare sia i turisti che i locals e offrire loro non un volantino, non un programma, bensì la possibilità di acquistare fisicamente un biglietto proprio lì, sul momento.

Come? Con la biglietteria itinerante: una coloratissima cargo-bike attrezzata per l’emissione di titoli di accesso, che si sposta sul territorio umbro-marchigiano nel periodo estivo.

Non tutti sono informati sul programma del Macerata Opera Festival: molti sono magari a conoscenza del festival, ma non sono abbastanza appassionati d’opera da pensare spontaneamente di cercare informazioni (o un biglietto). La biglietteria itinerante, che è parte integrante del progetto Sferisterio Experience, va a colmare proprio questo gap, presidiando i luoghi di aggregazione estivi e offrendo la possibilità di comprare velocemente un biglietto anche a chi non ha dimestichezza con gli acquisti online. Ancora una volta, insomma, il Macerata Opera Festival esce dallo Sferisterio per gettare radici nel territorio.

Conclusioni. Sferisterio Experience: un doppio scambio con il territorio

Il progetto Sferisterio Experience ha puntato negli anni a integrare il Macerata Opera Festival, spesso (e a torto!) guardato con soggezione, nell tessuto dell’offerta turistica locale. Oggi possiamo dire che il beneficio è reciproco: l’iniziativa non ha solo invogliato il pubblico di melomani – i cosiddetti turisti dell’opera – a scoprire il territorio, ma anche avvicinato all’opera un tipo di pubblico totalmente nuovo. Si è venuto a creare un nuovo modello di turismo culturale che lega musica, tipicità marchigiane ed esperienze esclusive in loco: come dicevamo, un’esperienza a 360 gradi.

Uscreen: una web tv per la cultura

By News No Comments

VOD e web tv: teatro e opera on-demand ai tempi del Covid

Alla fine è successo: una nuova stretta alle norme, in seguito al DPCM del 24 ottobre 2020, ha decretato la chiusura di teatri e sale da concerto in Italia. Di nuovo.

Cosa faranno le compagnie e i festival che si stavano preparando a tornare in scena? Probabilmente, quello che hanno fatto durante il lockdown: una nuova migrazione sui canali digitali.

La scorsa primavera, nei mesi più critici dell’emergenza da Covid-19, molte realtà del mondo operistico hanno deciso di “trasferirsi” momentaneamente online. Un recente studio di Opera Europa afferma che mentre solo il 48% dei teatri d’opera è riuscito a realizzare spettacoli live dall’inizio della pandemia, il 93% si è impegnato a organizzare eventi online per un pubblico digitale, per offrire “sollievo artistico” a chi era costretto in casa.

Dirette social e streaming

Le dirette social si sono rivelate uno strumento di successo. Anche noi, con il festival Donizetti Opera e la Fondazione Teatro Donizetti, abbiamo imboccato questa via. L’evento di punta è stato il Gran Gala sul sofà: una sorta di varietà, condotto dal direttore artistico Francesco Micheli e dal direttore musicale Riccardo Frizza, dove le esibizioni di cantanti “amici” del festival si sono alternate a interviste e contenuti inediti. La partecipazione è stata calorosa: 43mila minuti totali (più di 30 giorni!) di visualizzazioni su Facebook e YouTube, per un totale di 40mila persone raggiunte durante la diretta visibile contemporaneamente su entrambi i canali social.

Ma le dirette social non sono state l’unico strumento adottato dai teatri d’opera: dall’inizio della pandemia sono sorte molte web tv, su modello di realtà già esistenti come la piattaforma Opera Vision (creata proprio da Opera Europa).

Il fenomeno delle web tv dedicate all'opera

Strano? Ma no: prima o poi, probabilmente, sarebbe accaduto comunque. Era solo questione di tempo prima che anche i teatri d’opera decidessero di affidare al web i loro contenuti video; alcuni lo avevano già fatto.

Triste? Nemmeno: rendere disponibili online alcune produzioni “storiche” non significa certo disincentivare la presenza live un appassionato non baratterà mai l’esperienza del teatro con quella dello streaming, potendo scegliere – ma, semmai, catalogare un vasto archivio di bellezza rimasto inaccessibile per troppo tempo.

Qualche esempio.

Durante il lockdown il Met ha lanciato “Nightly Met Opera Streams”, rendendo disponibili in streaming le grandi produzioni degli ultimi 14 anni. L’Opera Reale Svedese di Stoccolma ha aperto il proprio canale digitale, Operanplay.se; la Royal Opera House di Londra ha offerto un mese di prova gratuito su Marquee TV, servizio di streaming internazionale dedicato alle arti dello spettacolo.

Chi aveva già una web tv ha ampliato il proprio programma creando eventi speciali (proprio come ha fatto Opera Vision, che ha organizzato una rassegna di opere mozartiane fra marzo e aprile) o rendendo alcuni contenuti disponibili gratuitamente per un periodo limitato, come la Digital Concert Hall della Berliner Philharmoniker.

In Italia il Teatro Massimo di Palermo ha offerto un ricco palinsesto di opere e concerti annunciando il programma giorno per giorno, mentre i principali teatri dell’Emilia-Romagna (la Fondazione Lirico-Sinfonica del Teatro Comunale di Bologna, i teatri di tradizione di Piacenza, Parma, Reggio Emilia, Modena, Ferrara e Ravenna e il Teatro Amintore Galli di Rimini) hanno recentemente creato il portale OperaStreaming che trasmetterà in diretta alcune delle loro produzioni.

Proprio in questi giorni l‘ANFOLS, Associazione Nazionale Fondazioni Lirico Sinfoniche, lancia il progetto Aperti, nonostante tutto, sorta di palinsesto nazionale che coinvolgerà le 12 Fondazioni Liriche aderenti attraverso i canali digitali di ciascuna di loro. È nell’ambito di questa iniziativa che debutterà la web tv dell’Arena di Verona, il cui streaming sarà ripreso anche dall’ANSA.

Sembra che un po’ ovunque si sia venuta a creare quella realtà auspicata mesi fa da Dario Franceschini, ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, che è stata accolta dall’opinione pubblica con un misto di entusiasmo e perplessità. Stiamo parlando del “Netflix della cultura”: che ci piaccia o no, è esattamente ciò che si sta verificando in tutto il mondo.

Uscreen: la nostra esperienza con il festival Donizetti Opera e il Festival della Valle d'Itria

Nella primavera del 2020, quando l’immediato futuro dei teatri era ancora incerto, abbiamo lanciato la web tv del Festival della Valle d’Itria, la prima web tv italiana dedicata all’opera. Gli spettacoli in scena divenivano così fruibili gratuitamente in diretta o on-demand.
Al suo primo lancio la web tv del Festival della Valle d’Itria ha totalizzato 800 iscrizioni provenienti da 28 Paesi (fra cui Giappone, Brasile, Australia, Israele, Messico e Filippine) e generato 3mila visualizzazione uniche di contenuti.

Il successo della web tv ci ha incoraggiato a crearne una anche per il festival Donizetti Opera di Bergamo, nonostante l’edizione 2020 fosse confermata.

Pochissimi giorni fa (nel momento in cui scriviamo) il DPCM del 24 ottobre ha congelato tutto, a meno di un mese dalla prima e – ironia della sorte – proprio nel giorno del World Opera Day. La partecipazione del pubblico alle prime date del festival, al momento, è sospesa.

Cosa si fa in questi casi?

Si va in scena comunque… come si può. Nel nostro caso, online.

Così alcuni dei titoli in cartellone andranno in onda sulla nuova web tv del festival. Gli utenti potranno iscriversi e accedere alle registrazioni in HD degli spettacoli, accanto ad altri contenuti come la Donizetti Revolution di Francesco Micheli.

Perché Uscreen?

Quando abbiamo deciso di creare una web tv per i nostri clienti ci siamo posti diversi problemi. L’esperienza già maturata da Cultura e Digitale nella gestione delle web tv e dello streaming per la cultura ci ha permesso di avere fin da subito un’idea molto chiara di ciò che cercavamo: serviva una piattaforma che innanzitutto prevedesse un sistema di pricing modulabile e, in aggiunta, che offrisse prestazioni di alto livello e il massimo della sicurezza.

Abbiamo scelto Uscreen, una piattaforma di distribuzione di video on-demand che permette di creare e personalizzare la propria web tv. Mentre la maggior parte dei servizi offre, ad esempio, la sola vendita di contenuti digitali – ma non la possibilità di scaricarli per la visualizzazione offline –, Uscreen risponde alle esigenze di tutto ciò che riguarda il mercato digitale, colmando il gap fra i creatori di contenuti e lo spettatore finale. Oggi Cultura e Digitale distribuisce Uscreen in Italia, partecipando al suo programma di affiliate.

Ecco alcuni dei vantaggi che abbiamo riscontrato, sia per il digital creator che per l’utente:

  • possibilità di caricare video (ma anche documenti, immagini,PDF, presentazioni, webinar) sia con un normale upload che in modalità bulk o addirittura attraverso il caricamento web, connettendosi tramite FTP, Dropbox, Google Drive, YouTube, Vimeo etc;
  • possibilità di lanciare dirette live streaming;
  • possibilità per l’utente di usufruire dei contenuti su qualsiasi dispositivo, dallo smartphone (Android e iOS) al tablet, dal computer alla smart tv;
  • canale e vetrina personalizzabili: si possono usare i template forniti dalla piattaforma anche senza competenze di coding (ma chi le ha può customizzare completamente l’aspetto del digital storefront tramite il pannello dell’amministratore);
  • possibilità di tracciare la propria audience;
  • diverse modalità di fruizione da mettere a disposizione dell’utente, dal noleggio all’acquisto una tantum di un contenuto fino all’iscrizione in abbonamento;
  • possibilità di creare coupon e promozioni;
  • acquisti in-app;
  • possibilità per l’utente di effettuare il download sul dispositivo locale per accedere ai contenuti anche offline;
  • possibilità per l’utente di riprendere la visione di un video tornando al punto in cui si era interrotto;
  • possibilità per l’utente di riprodurre l’audio in background anche quando lo smartphone è bloccato;
  • supporto 24/7 per il digital creator;
  • uso di un CDN globale, che permette uno streaming sicuro senza buffering da qualsiasi parte del mondo;
  • uso di un DRM di proprietà e di strumenti di crittografia, che assicurano la massima sicurezza: il digital creator rimane l’unico detentore dei propri materiali, che sono protetti da copyright;
  • video in alta risoluzione (1080p, 1920×1080 px);
  • hosting video HD veloce incluso nella piattaforma.

Al momento Uscreen è usato da più di 11mila creatori e 2,3 milioni di utenti in 195 Paesi.

Le domande che tutti ci stiamo facendo su opera e web tv

Lo streaming rischia di soppiantare il teatro, mettendolo ancora di più in crisi?

Quando si parla di “Netflix della cultura” lo si fa generalmente con un’accezione negativa. Non tutti sanno, però, che i colossi dell’intrattenimento online – che durante i mesi di lockdown non hanno osservato un calo di fatturato – non sono rimasti con le mani in mano.

Molte grandi piattaforme si sono adoperate per aiutare economicamente i settori artistici in difficoltà. E Netflix (proprio lui!) ha donato cento milioni di dollari come supporto d’emergenza alle figure professionali dell’industria televisiva e cinematografica rimaste improvvisamente senza lavoro, come elettricisti, truccatori e montatori. Di questa donazione ha beneficiato anche il cinema italiano, che può attingere a un fondo di un milione di euro.

In più, nessun vero appassionato di teatro potrebbe mai pensare di rinunciare volutamente all’opera dal vivo in cambio di uno schermo e due casse acustiche. Ma fintantoché le web tv sono l’unico strumento dei teatri per andare avanti, per raccogliere il frutto del lavoro di mesi e per far lavorare (e pagare) gli artisti… allora non si tratta di impoverire i teatri, ma di aiutarli. Non di soppiantarli, ma di traghettarli al di là di un’emergenza, magari avvicinando anche un nuovo pubblico.

Il fenomeno delle web tv dedicate all’opera e al teatro si esaurirà con la fine della pandemia?

Probabilmente no. Semmai, tornerà a fare quello che ha sempre fatto: non sostituire l’esperienza dal vivo, ma muoversi parallelamente ad essa per fare da archivio, contenitore e memoria storica. In fondo, quando Rai 5 trasmette la registrazione di un’opera che abbiamo già apprezzato a teatro, la rivediamo sempre con piacere e nessuno grida all’orrore. Perché con un servizio on demand dovrebbe essere diverso?

Ha senso l’opera senza teatro e il teatro senza pubblico?

Per noi no. L’esperienza musicale a teatro è legata a doppio filo all’acustica del luogo, agli applausi del pubblico, a un bis richiesto e concesso; insomma, al “qui e ora”. Il teatro è esperienza condivisa.

Ma il teatro, in questo momento, ha bisogno di noi: pagare un piccolo prezzo per assistere a un’opera in streaming può fare la differenza per molti lavoratori dello spettacolo.

Non da ultimo siamo anche noi ad avere bisogno del teatro, di stringerci attorno al teatro, di socializzare grazie al teatro. Una community virtuale, quantomeno nell’immediato, non è di poco valore: scrivere all’amico melomane per commentare l’opera appena vista online può significare ancora qualcosa. Almeno per il momento.

Il più sicuro, ma anche il più fragile: l’impatto del Covid sul teatro

By News No Comments

A soffrire particolarmente sono stati i teatri e non è difficile capire perché: le norme di distanziamento, spesso molto severe, hanno penalizzato tutte quelle forme di intrattenimento basate sulla presenza, molto più di settori come editoria e gaming.

Eppure i teatri sono un luogo sicuro. Il più sicuro, secondo un’indagine condotta dall’AGIS proprio in questi giorni: in Italia, dal 15 giugno (data di riapertura dei teatri) al 3 ottobre 2020, sono andati in scena 2.787 spettacoli, con un numero complessivo di 347.262 spettatori (130 presenze in media ogni data). I contagi? Uno.

Teatro e Covid-19: le conseguenze economiche a medio e lungo termine

Uno studio condotto dall’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico afferma che, nelle regioni OCSE (Italia compresa), i posti di lavoro a rischio nel campo dell’arte e dell’intrattenimento vanno dallo 0,8 al 5,5% dell’occupazione.

Un esempio: in Germania le imprese culturali stanno licenziando sempre più dipendenti. Il tasso di disoccupazione medio della Germania è del 5,2%, ma sale al 6,2% se isoliamo la macro-area dell’industria delle arti e dell’intrattenimento e addirittura al 13,10% se consideriamo solo le arti dello spettacolo.

Tasso di disoccupazione in Germania – Studio OCSE

L’aspetto che spesso si dimentica è che lo stop agli spettacoli non influenza soltanto i teatri in sé ma tutta la macchina produttiva, che coinvolge a cascata un gran numero di settori: se un teatro rimane chiuso non saranno soltanto attori e registi a non lavorare, ma fonici, attrezzisti, custodi, personale di sala, addetti alla biglietteria, sarti, imprese di pulizie, idraulici, elettricisti.

Quali saranno le conseguenze delle chiusure dovute al Covid? Probabilmente gli effetti di questa crisi influenzeranno l’offerta di beni e servizi culturali nei mesi (se non, addirittura, negli anni) a venire. Nel medio termine il minor livello di turismo nazionale e internazionale, il calo del potere d’acquisto e la riduzione dei finanziamenti pubblici e privati per la cultura peggioreranno la situazione. Nel lungo termine non sarà solo il settore culturale a registrare delle perdite: tutto questo avrà un impatto negativo su città e regioni in termine di posti di lavoro, entrate, livelli di innovazione, benessere dei cittadini e vitalità della comunità.

Le misure finanziarie adottate per il teatro nel mondo (e perché in molti casi non stanno funzionando)

I governi di tutto il mondo hanno introdotto molteplici misure a sostegno dei lavoratori e delle imprese. Ma molte di esse si sono rivelate poco adeguate alle peculiarità di ciascun settore.

Il motivo? Le misure per l’occupazione e il sostegno al reddito non sempre rispecchiano la fluidità delle nuove forme di lavoro, spesso freelance, che sono le più precarie e che sono la norma nel settore culturale e creativo. La crisi ha messo a nudo in modo molto netto la fragilità strutturale dell’economia culturale in molte regioni dell’OCSE.

Le stesse statistiche ufficiali, per questo motivo, sono spesso inesatte: l’occupazione culturale è sottovalutata perché le indagini sulla forza lavoro includono solo il lavoro principale retribuito di un intervistato. È per questo che, anche se i governi di tutto il mondo hanno messo numerosi fondi a disposizione delle imprese culturali, non sempre questi fondi sono stati in grado di “raggiungere” in maniera capillare i lavoratori dello spettacolo.

Il calo di investimenti pubblici

Secondo l’OCSE è probabile che, dopo questi primi aiuti finanziari, assisteremo a una riduzione dei finanziamenti pubblici per il settore culturale e creativo. Dopo l’ondata di fondi di emergenza, le principali fonti di finanziamento pubbliche e private per l’arte e la cultura potrebbero andare incontro a un calo, in particolare a livello locale.

In tutta l’area OCSE, la spesa dei governi per il settore dell’arte e dell’intrattenimento ha rappresentato solo il 3% della spesa nel 2017. Se questo dato dovesse calare ancora sarà tutta la finanza pubblica a livello locale ad essere colpita, con una forte pressione sulla spesa e una riduzione delle entrate, aumentando così i deficit e il debito. È nel medio termine che ci si aspetta l’impatto più forte.

Spesa pubblica subnazionale per “intrattenimento, cultura e religione” in % della spesa pubblica totale nella categoria (2017) – Studio OCSE

E i finanziamenti privati?

Ci sono Paesi, come gli Stati Uniti, in cui le donazioni private costituiscono la principale entrata dei teatri (in Europa i contributi pubblici hanno un peso maggiore). È così che si sono verificati casi come quello del MET, che ha cancellato addirittura l’intera stagione 2020/2021: dovendosi reggere esclusivamente su entrate private, una struttura così grande e con costi di gestione così esorbitanti non potrebbe mai sopravvivere se non a capienza completa.

In seguito alla pandemia, però, molte aziende, organizzazioni e fondazioni hanno dovuto rivalutare le spese destinate al alla filantropia; questo alla luce non solo del calo dei ricavi, ma anche della volatilità del mercato azionario. Alcune organizzazioni no-profit sono andate in controtendenza aumentando le donazioni dall’inizio della crisi, ma non è detto che questo trend positivo continuerà nel medio termine. E quindi, anche la disponibilità di finanziamenti privati ​​potrebbe calare.

I contributi delle società per autori e artisti

In molti casi sono state le società per artisti a dare speranza ai lavoratori dello spettacolo. Ecco qualche esempio:

  • In Francia la SACD, la società per drammaturghi e compositori, ha istituito un fondo di 500.000 euro destinato agli autori senza reddito fisso che sono stati oggetto di cancellazioni durante il lockdown; in collaborazione con il French Film Institute hanno lanciato un fondo specifico per autori nei settori audiovisivo, web, animazione e arti dello spettacolo.
  • In Germania la GEMA, l’organizzazione tedesca per i diritti dello spettacolo, ha messo in atto fondi di emergenza di 40 milioni di euro per cantautori e compositori.
  • Nei Paesi Bassi la società di gestione collettiva Buma/Stemra ha anticipato i pagamenti delle entrate dei diritti d’autore per i prodotti televisivi e radiofonici. Grazie a questa misura, circa 38 milioni di euro sono stati pagati a giugno 2020 anziché a settembre 2020.
  • In Lettonia la LalPA ha fornito ai suoi membri un anticipo del 30% sulle royalties raccolte nel 2019.
  • In Italia la SIAE ha messo in atto fondi di emergenza per 60 milioni di euro per cantautori e compositori.

Teatri d’opera in Italia: un esempio virtuoso

Secondo uno studio appena pubblicato da Opera Europa, dall’inizio della pandemia quasi il 60% dei teatri d’opera ha contribuito in modo pratico, producendo dispositivi protettivi o impegnandosi in iniziative sociali. Il 50% ha coinvolto pubblici di dimensioni ridotte in spettacoli live e più del 90% ha dato vita a performance online per intrattenere e confortare il pubblico, offrendo un po’ di sollievo artistico.

Un altro dato positivo – questa volta tutto italiano – viene dalla già citata indagine dell’AGIS. Che ci racconta non solo un’Italia in cui si va a teatro in tutta sicurezza ma, a ben vedere, un’Italia in cui si va a teatro – anche in tempo di pandemia.

Certamente l’estate italiana è stata “graziata” dal clima mite e dalla presenza di molti teatri all’aperto, strutture in cui è oggettivamente più semplice organizzare spettacoli in sicurezza. Ma le strutture più piccole fanno ancora fatica, penalizzate dalla severità delle regole di distanziamento.

Pochi giorni fa si è tenuta una manifestazione dei lavoratori dello spettacolo che è già storia, con 500 bauli in Piazza del Duomo a Milano e una coreografia realizzata tenendo conto del distanziamento.

Il motivo: richiedere norme meno restrittive per i teatri, aumentando il numero di posti “vendibili”. Il teatro ha dimostrato di essere in grado di rispettare le regole e molte realtà stanno soffrendo la riduzione così drastica della capienza.

Insomma: i lavoratori di tutta Italia stanno rivendicando la possibilità di fare spettacolo, perché un teatro sicuro è possibile. Noi l’abbiamo visto con i nostri occhi al Macerata Opera Festival 2020, di cui curiamo la comunicazione.

La nostra esperienza con il Macerata Opera Festival 2020

Per l’estate 2020 era prevista una ricca edizione del Macerata Opera Festival: tre opere in cartellone – Tosca, Don Giovanni e Il trovatore – e un vasto corollario di concerti e altri spettacoli. Il protrarsi dell’emergenza da Covid-19 ha costretto la direzione artistica e la sovrintendenza a rivedere il programma.

Svolgendosi in un teatro all’aperto, lo Sferisterio, il festival era certamente avvantaggiato rispetto alle rassegne destinate a spazi chiusi. Ma il pericolo di contagio non riguarda solo gli spettatori: come gestire la presenza degli artisti sul palcoscenico?  L’intera stagione è stata così ripensata, cercando di salvare quanto più possibile e di sostituire gli spettacoli annullati con altri più sicuri sul piano del distanziamento.

L’edizione è stata un successo: seppur con la capienza del teatro ridotta a un terzo, il festival ha venduto 10mila biglietti in 18 serate, superando l’obiettivo dichiarato dal sovrintendente Luciano Messi in esordio.

Quali misure sono state adottate per garantire un’edizione sicura del Macerata Opera Festival?

Capienza

  • La capienza è stata ridotta secondo la normativa: intere file di poltrone sono state eliminate dalla platea per garantire il giusto distanziamento e i posti sono stati occupati alternatamente. La capienza dei palchi è stata ridotta a un massimo di tre persone. La pianta dello Sferisterio è passata da quasi 2500 posti a poco più di 800.

Programma

  • Delle tre opere solo una è andata in scena come previsto, Don Giovanni. Non senza intervenire sull’allestimento: il regista Davide Livermore ne ha ripensato ogni aspetto, eliminando l’arredo scenico del 90% (per evitare affollati cambi di scena) e potenziando lo spettacolare videomapping proiettato sul muro dello Sferisterio. Grazie alla disponibilità degli artisti l’opera è passata da 4 a 6 repliche, infoltendo il programma senza pesare eccessivamente sul bilancio.
  • La nuova produzione prevista per il 2020, Tosca, per ragioni intrinseche al libretto non avrebbe potuto prescindere dalla presenza di grandi masse di artisti sul palcoscenico. Per questa ragione è stata rimandata all’edizione 2022. Per Il trovatore, ripresa di un allestimento creato qualche anno fa proprio per lo Sferisterio, si è rinunciato alle scene: l’opera è stata eseguita per due serate in forma di concerto, con coro e orchestra tutti sul palcoscenico – un palcoscenico lungo quasi 90 metri – e opportunamente distanziati. In questo modo si è potuto coinvolgere la quasi totalità degli artisti inizialmente scritturati.

Ingressi

  • Tutti gli ingressi sono stati ripensati, sfruttandoli al massimo per garantire che la grande quantità di spettatori (comunque più di 800 nelle serate di sold out) potessero entrare e uscire in sicurezza senza causare ritardi al programma. Ciascuno spettatore è stato accompagnato personalmente dal personale di sala, che è stato ampliato con nuove assunzioni. La temperatura veniva misurata all’ingresso con i termoscanner.
  • Si è deciso di eliminare tutto il materiale cartaceo distribuito all’ingresso. Programmi di sala, cartoline e volantini sono stati sostituiti dalle loro versioni digitali, come pure la rivista del Macerata Opera Festival: nei numerosi totem presenti fuori dagli ingressi un qr-code permetteva di accedere a questi contenuti per visualizzarli direttamente sul proprio smartphone.
  • Attraverso la creazione di un video esplicativo e di una pagina dedicata all’interno del sito, denominata “Sferisterio sicuro”, tutti gli spettatori hanno avuto la possibilità di informarsi in anteprima sulle regole da seguire per garantire un sereno svolgimento degli spettacoli.

Lavoro

  • Nel confermare l’edizione 2020 del Macerata Opera Festival, il sovrintendente ha siglato un’intesa con i lavoratori: una sorta di accordo di solidarietà unico in Italia, per mantenere stabili – pur nelle inevitabili riduzioni delle attività e della struttura produttiva – i livelli occupazionali attraverso un approccio inclusivo, solidale e nel rispetto del CCNL. Oltre 2/3 del budget 2020 sono stati investiti in contratti di lavoro artistici, tecnici e amministrativi.

Come aumentare le vendite di biglietti con i social: il caso del Taft Theatre

By News

I teatri sono ancora molto restii ad investire sul social media marketing. Invece, aumentare le vendite di biglietti con i social è possibile. Basta saper usare i giusti canali per sfruttarne al massimo il potenziale!

1. LA COMUNICAZIONE ONLINE E I TEATRI: QUESTO MATRIMONIO “S’HA DA FARE”?

A guardare i dati sembrerebbe di no: il settore culturale in Italia (che siano musei, teatri, siti archeologici ecc…) non sembra proprio avere intenzione di stringere amicizia con Facebook & Co.

La difficoltà di gestione dell’immagine “aziendale” tramite il web è ben nota:

“…il personale è ridotto all’osso e sarebbe necessario avere almeno una persona dedicata solo a questo tipo di lavoro. I gestori dei teatri non vogliono mettere mano al portafoglio. Esiste un certo scetticismo nei confronti del web perché è un mezzo di comunicazione così multiforme che spaventa.

Forse la macchina produttiva teatrale si è troppo adagiata su antichissimi allori e sovvenzioni. Probabilmente non si è mai presa in considerazione la comunicazione su internet, perché mancava lo stimolo competitivo a farlo.”

Le parole dell’autrice e registra teatrale Raffaella Conti fotografano alla perfezione le criticità del settore nel rapportarsi con le nuove opportunità fornite dal web.

Perché di opportunità si parla. E non coglierle significa tagliare fuori una fetta di mercato che sta diventando sempre più importante.

Ma non basta.

I social media e in generale le REALI opportunità offerte dal web marketing sono territori ancora quasi totalmente inesplorati dalla maggior parte delle imprese culturali. Questo significa che arrivare primi fa la differenza. E tanta.

2. IMPARARE DALLE BEST PRACTICE STRANIERE: IL CASO DEL TAFT THEATRE DI CINCINNATI

Taft Theatre Cincinnati, Ohio: iniziamo da qui.

Situato nel cuore di Cincinnati il Taft Theatre è il punto di riferimento della città per l’intrattenimento dal vivo. Inaugurato nel 1928, il teatro è un meraviglioso gioiello di architettura neoclassica a cui la ristrutturazione del 2011 ha aggiunto qualche tocco “moderno” senza però intaccare il carattere e l’atmosfera storica che si respirano in ogni palco, in ogni seduta, durante ogni spettacolo.

Nel corso degli anni il Taft Teathre ha ospitato alcuni dei più grandi nomi della musica, della commedia, della televisione e di Broadway: da Ignacy Jan Paderewski, compositore e pianista polacco a Robin Williams, George Jones, Bob Dylan fino a George Carlin and Wilco.

Nel marzo 2012 al teatro è stata aggiunta anche una “ballroom”, uno spazio da circa 500 posti costruito per ospitare concerti di ogni tipologia: rock, country, jazz, metal, folk, neoclassica, hip-hop, bluegrass, indie rock. Uno spazio dall’acustica eccellente che offre tantissime esperienze di altissima qualità.

Questo nuovo spazio ha una struttura flessibile, tale da potersi adattare a diverse configurazioni: spettacoli seduti, concerti da vivere in piedi, performance alternative. Un ambiente dinamico e quasi visionario che il Taft Theatre ha creato e ha saputo valorizzare al meglio.

Come? Scopriamolo insieme!

Rileggi l’articolo quando vuoi

Ricevilo nella tua casella mail!

3. OBIETTIVO BIGLIETTI: LA STRATEGIA WEB DEL TEATRO DI CINCINNATI

Come spiega Laura Bock, project manager del Taft Teathre, nel corso degli anni sono state attivate diverse campagne adv online, ma non si è mai riusciti a valutare l’effettivo riscontro di questa attività perché le uniche metriche considerate erano il numero di “mi piace” e di “commenti” che il post sponsorizzato riceveva.

 

“We weren’t able to gauge whether or not our social media marketing was sticking in any sort of substantial way (likes/comments were all we had to go off of, which are pretty superficial metrics.”

 

L’obiettivo principale di un teatro che sceglie di investire online è senza dubbio quello di aumentare nell’immediato la vendita dei biglietti associata ad uno o più spettacoli/concerti che fanno parte della stagione.

Nello specifico, nel case history che andremo ad analizzare la finalità della campagna di adv online era quella di promuove il concerto dei Mastodon, un gruppo musicale heavy metal/post-hardcore, che si sarebbe esibito nella rinnovata “ballroom” del teatro da lì a poche settimane.

Bene, partiamo dai risultati: 57.069 persone raggiunte e un ritorno sulla spesa pubblicitaria pari a 13 volte l’investimento improntato.

Ma come si è arrivati a un risultato di questa portata? Proviamo ad analizzare la strategia adottata.

1) Campagna

Campagna pubblicitaria su Facebook ed Instagram con obiettivo click al sito.

 

2) Definizione della target audience

Sono state individuate 3 tipologie di target su cui agire:

  • fan dei Mastodon;

  • “lookalike” dei fan di Mastodon (il lookalike è una tipologia di pubblico simile ai tuoi clienti potenziali che può essere identificata in base a diverse fonti come un elenco dei tuoi clienti esistenti, i visitatori del tuo sito web o, come in questo caso, un pubblico basato sulle persone legate ad un determinato interesse);

  • pubblico individuato in base ad una profilazione per età, sesso, interessi.

3) Definizione della creatività

Per ciascuno di questi pubblici sono state costruite delle creatività ad hoc, cioè dei post con testo e immagine creati a misura del pubblico verso cui erano rivolti. Per poter ottimizzare al meglio la campagna la project manager ha utilizzato una piattaforma di automated social marketing (ne esistono tantissime, quella scelta dal Taft Teathre è stata ToneDen).

Questa soluzione le ha permesso di costruire un numero molto ampio di creatività in modo da verificare per ognuna le diverse performance in base al pubblico di riferimento e operare una conseguente ridistribuzione del budget su quelle che convertivano meglio.

“… we optimized those ads, to reach the right people and gain the most traction by turning what was before just eyeballs on campaigns, into actual ticket purchasers…”

4. COSA SI PUÒ IMPARARE DAL CASO DEL TAFT THEATRE?

Analizzando la strategia adottata dal Taft Theatre possiamo fare una serie di riflessioni sull’importanza del web marketing e di una strategia online nel settore culturale.

1) Ma dove vai se la buyer persona non ce l’hai…

Qualsiasi campagna pubblicitaria online (e non) parte sempre da un’attenta analisi del target di riferimento.
Hai presente il famoso gioco da tavolo “Indovina chi”? Ecco, in maniera molto più approfondita è proprio questo il lavoro che ti viene richiesto: creare una rappresentazione generalizzata del tuo cliente ideale, identificandone:

  • background (ruolo, carriera lavorativa, famiglia);

  • dati demografici (uomo o donna? Età? Reddito? Dove vive?);

  • caratteristiche e preferenze;

  • goal desiderati (quali sono gli obiettivi primari, quali invece quelli secondari?);

  • sfide (qual è la sua sfida più grande? Quali sono le altre?);

  • come puoi aiutarlo (cosa puoi fare per aiutarlo a raggiungere i suoi obiettivi? Come puoi assisterlo affinché raggiunga i suoi goal?)

Perché questa operazione è indispensabile? Proviamo a spiegarlo con un esempio.

Sei concentratissimo su un lavoro e ti arriva una telefonata da un numero che non conosci. Rispondi. È un call center che cerca di proporti la nuovissima ed imperdibile tariffa dell’operatore X. E magari tu hai già una tariffa super competitiva che non cambieresti per niente al mondo. O magari l’hai appena cambiata e non hai nessuna intenzione di ripetere tutta la trafila burocratica. O, semplicemente, in quel momento è veramente l’ultimo dei tuoi pensieri.

Questo è l’interruption marketing che per anni ha imperato nel mondo della pubblicità. Il marketing online, invece, sta prendendo una direzione molto diversa. È sempre meno product-oriented e sempre più customer-oriented.

Questo significa che il mio prodotto deve rispondere ai bisogni dell’utente e quindi va proposto alle persone giuste, nel momento giusto, nella maniera corretta. Operazione impossibile senza una preliminare analisi sul target.

“Oggi, il 90% degli investimenti di marketing viene speso per i canali che interrompono la gente, al fine di ottenere la loro attenzione. Spot televisivi, pubblicità sui giornali, spot radio e cartelloni pubblicitari, ma anche canali web come banner, finestre pop-up, e-mail indesiderate, etc. Questi metodi non sono sbagliati in senso assoluto, il marketing dell’interruzione può essere ancora efficace, se fatto con empatia e se delizia il suo pubblico. Ma sul web, meno del 10% di tutti i clic e del traffico passa attraverso questi canali.

La stragrande maggioranza del tempo e l’attenzione degli utenti di Internet, sia desktop, tablet o smartphone, deriva da canali Inbound: le newsletter a cui abbiamo scelto di iscriverci, i contenuti che vogliamo leggere, i risultati di ricerca che preferiamo, i social media che vogliamo utilizzare, i video che vogliamo guardare, ecc.”

 

 Rand Fishkin, CEO di Moz

 

Costruire la buyer persona più corretta ti permette infatti di:

  • costruire contenuti mirati per ciascun utente;

  • creare o aggiornare il tuo sito web in modo che risponda ai bisogni dei potenziali clienti che quindi troveranno contenuti inerenti alle loro ricerche e saranno molto più propensi a compiere azioni;

  • aumentare la percentuale di conversione perché sai cosa l’utente sta cercando e quello di cui ha bisogno;

  • segmentare in maniera corretta le tue campagne di marketing.

 

2) “Test” is the king

Pur all’interno di uno stesso segmento di pubblico, interessato alle stesse cose e magari con le stesse passioni, non è detto che gli elementi che colpiscono l’utente A siano gli stessi che colpiscono l’utente B (non a caso anche nel mondo del web sta prendendo sempre più piede il neuromarketing, che permette di individuare e monitorare cosa accade nel cervello delle persone quando vedono un annuncio, sono colpiti da un’immagine, cliccano su una CTA).

Proprio per questo motivo è importante, al momento della creazione delle creatività, testare formati, foto, grafiche, copy diversi.

Soltanto provando sul campo saremo in grado di capire cosa performa meglio e successivamente muoverci per potenziare cosa funziona e “spegnere” quello che non performa come dovrebbe, ottimizzando al  massimo il budget a disposizione.

3) Aumento delle vendite? Si, ma non solo…

Sicuramente quando pensi di investire in campagne online l’obiettivo che ti poni è quello di vendere di più. Ed è normale che sia così.

In realtà, però, una corretta e studiata strategia incide anche su un altro aspetto, a cui spesso non si dà abbastanza importanza: la brand reputation. La brand reputation è diventato uno dei principali driver di acquisto e risulta capace di influenzare in modo determinante l’intention to buy dell’utente.

Ed è proprio per questo che è tanto importante. E altrettanto delicata. La storia dell’advertising online è costellata di campagne che hanno “macchiato” il brand: si pensi a Melegatti, Barilla, Patrizia Pepe, Bauli (solo per citarne alcuni).

Quindi va benissimo studiare una campagna che abbia come fine quello di promuovere le vendite di un determinato spettacolo/concerto, ma niente può essere lasciato al caso: dalla scelta delle immagini, alla scrittura del copy, alla definizione del target.

 

I social possono aiutare le vendite. Se sai come farli!

Rileggi l’articolo quando vuoi

Ricevilo nella tua casella mail!